Luce nel labirinto

Luce nel labirinto

Luce nel labirinto

Scrittura fine

IMG_7822

Il ricamo della brina.
Scrittura fine
Per contenuto delicato,
Quello meno scontato
Dell’esserci di ciò che c’è.

“Benedite, rugiada e brina, il Signore,
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.
Benedite, gelo e freddo, il Signore,
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.
Benedite, ghiacci e nevi, il Signore,
lodatelo ed esaltatelo nei secoli…” (Daniele 3,68-70)

 

Zoom

IMG_8091

IMG_8114

IMG_8115

IMG_8091

Il velo strappato

Il velo strappato

“Il velo sarà per voi la separazione
tra il Santo e il Santo dei santi” (Esodo 26,33)

“I morti tremano sotto terra,
come pure le acque e i loro abitanti.
Nuda è la tomba davanti a lui
e senza velo è l’abisso.
Egli stende il settentrione sopra il vuoto,
tiene sospesa la terra sopra il nulla.
…Ecco, questi non sono che i margini delle sue opere;
quanto lieve è il sussurro che noi ne percepiamo!
Ma il tuono della sua potenza chi può comprenderlo?” (Giobbe 26,5-7.14)

“Egli strapperà su questo monte
il velo che copriva la faccia di tutti i popoli
e la coltre che copriva tutte le genti.
Eliminerà la morte per sempre;
il Signore Dio asciugherà le lacrime
su ogni volto” (Isaia 25,7-8)

“Ed ecco il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono,
i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono” (Matteo 27,51-52)

Il velo strappato

Alla terra

IMG_3566

Terra indifferente,
compagna di viaggio.
Sorgente e meta.
La parola che ti nomina
l’immagine che ti ritrae
sono l’albero che svetta
sul nulla.

IMG_3566

Ecclesia

ecclesia

Ecclesia vastata (in rovina)

ecclesia

L’orizzonte

IMG_3821
è tutto scritto
ed è qui dentro
e viene tutto via con me
tu che cosa vedi
tu che cosa vedi
c’è ancora un orizzonte lì
con te
di tutta la vita passata
questo è il momento
di tutta la vita davanti
questo è il momento
vivere è un atto di fede
mica un complimento
questo è il mio atto di fede
questo è il tuo momento
(Ligabue)

IMG_3821

Schegge profetiche

O risorto, tocca il morto
Se la fede è una balla
tutto si spappola,
prima o poi.
e la vita non balla.
Resta il nero
senza noi
e il viaggio non ha sentiero.
O Risorto
tocca il morto!
Ma se la fede è vera
quando farà effetto
sarà gioia sincera
per chi vive con affetto.
E le schegge della terra
saran segni non del nulla
ma di primaverra.
E l’impegno dell’azione
avrà stella, meta
e indicazione.O risorto, tocca il morto

Ombra amica

IMG_7776

Se il viandante un giorno
del suo cammino
si vuole riposare
ecco per lui
l’albero che si mostra
e frena la luce
regalando ombra amica.

Ombra  amica

Sospeso è il mondo

Sospeso è il mondo

Sospesa è la terra nella vuota orbita.
Galleggia serena intorno al suo Sole.
Ma ogni istante, ogni forma, la più piccola che sia,
apparendo di momento in momento,
è sospesa sul vuoto niente,
sul severo non del nulla-di-mondo,
e primeggia bambina tra le mani artiste
del suo innamorato Cielo.

Sospeso è il mondo

Raggi di luce

IMG_8521

IMG_8521

Il Caos e le Campane

Il Caos e il Campanile

Caos. Caos.
Non c’é Dio, non si sa.
Chi lo sa.
È il Fantasma, l’amico immaginario, il sogno perduto.
E l’uomo? Che fine fa? Pezzo di legno.
Groviglio di speranze. Atomini in formazione.
Figura da circo. Sanguinario.
E i valori? Che ridere. Ci credi ancora? A pezzi.
Finzioni peggio di Dio. Parole di paurosi, di tremuli.
E la libertà? Bella quella. Senza Dio, senza io, anche lei è all’ospedale. Sotto i ferri degli illusi. Gli muore fra le mani.
Neuroni padroni tirano i sospiri, spingono le nobili gesta,
costringono la mano, concatenano il suono delle parole,
governano i pensieri che si credono autonomi.
L’ateo non vede bene perché crede ancora a tutto questo.
Per un giorno ancora.
Fino a quando gli occhi si apriranno e vedrà la spianata del nulla.
Del nulla di vero, del nulla di bello, del nulla di buono.
E del nulla del loro opposto. Che creduloni.
Eppure…
Anche la forma che canta il nulla tradisce senso. Anche la foto spappolata è in una cornice di senso. Anche la nota storpiata è canzone.
Eppure…
Le parole che negano il vero si pretendo vere.
La negazione del bello si pretende estetica.
La denuncia dell’illusorio bene si declama come un dono agli uomini.
Eppure…
Chi nega Dio lo fa senza tirare le conseguenze, lo fa senza negarlo davvero.
Il senso governa il fondo della coscienza.
Un campanile, un dito alzato al Cielo, ci salva dall’impossibile negazione.
Un suono di campane ci salva dalla superstizione di crederci annientatibili.
La Chiesa è ancora lì, misconosciuta, trattata con superiorità dagli illusi del nulla, non considerata dagli indifferenti che non sanno il cratere.
Il Caos è bello. Ci insegna la strada del riscatto.

Il Caos e il Campanile
Il Caos e il Campanile